Le attività

Ogni attività deve avere uno spazio ad essa esclusivamente destinato: uno spazio attrezzato e riconoscibile.

Il fondamento base di tutte le attività è il rispetto dei tempi del bambino e dei tempi del gruppo.

Per questo è importante che ciò che viene proposto ai bambini tenga conto delle differenti età e avvenga gradualmente dopo determinate conquiste personali.

I lattanti non parteciperanno quindi a tutte le attività del gruppo dei grandi, avendo esigenze differenti. Tuttavia, ritenendo fondamentale l’interazione come possibilità di imparare insieme e dagli altri, la composizione dei gruppi di attività può essere omogenea o eterogenea a seconda dei momenti della giornata.

Le attività si suddividono in strutturate e non strutturate; i momenti di gioco strutturato vanno scelti secondo alcuni criteri base:

  • progettazione (tempi, spazi e gruppi di età)
  • varietà (capacità motorie, linguistiche, sociali, esplorative e simboliche)
  • articolazione e progressione
  • regolarità (cadenze stabilite)
  • ludicità (attività sempre in forma ludica)
  • qualità sociale (attività come occasione di apprendimento)
  • significatività pedagogica (attività sostenute dall’adulto).

Le attività non strutturate coinvolgono sopratutto la sfera creativa, l’imitazione e l’espressione emotiva, stimolando lo sviluppo affettivo, relazionale e motorio.

L’intero spazio del nido è allestito a misura di bambino, consentendogli di accedere ad aree differenti: area della psicomotricità, area del gioco d’imitazione e simbolico, area della pittura e delle attività di manipolazione, area del gioco all’aperto.